• Mostre/reportage

  • Laboratori produzione

  • Laboratori cultura

  • Officina integrazione

  • Portale web

Fuoridaqui Officina

L’obiettivo che fuoridaqui [Officina dell'integrazione e della resilienza] si propone è quello di offrire una vetrina e al tempo stesso un luogo di discussione e approfondimento per i progetti e le buone pratiche poste in essere sul territorio regionale e nazionale (con il sostegno del Ministero dell’Interno e della Giustizia, delle Amministrazioni penitenziarie, delle Regioni e di altre istituzioni), in tema di legalità, recupero dei patrimoni confiscati, inclusione sociale, contrasto alla corruzione e criminalità da parte della Pubblica Amministrazione, realtà troppo poco note al di fuori dei contesti specifici in cui si attuano.

Si tratta di decine e decine di operatori delle istituzioni, cooperative, associazioni, volontari e imprese che sono quotidianamente al lavoro per creare un ponte fra carcere, centri di prima accoglienza e società mediante l’organizzazione di iniziative creative e produttive come imprese agricole, laboratori e imprese artigianali, attività teatrali e artistiche.

Sono percorsi di inclusione sociale che erodono pregiudizi e luoghi comuni. Progetti che consentono il reinserimento delle persone detenute e l’accoglienza degli immigrati, come il reinserimento di giovani segnati da esperienze di tossicodipendenza, restituendo valore al lavoro di cittadini che così si rigenerano e trovano opportunità di riscatto e nuova vita.

Un mondo di iniziative istituzionali e sociali che non ha ancora trovato una piattaforma comune, luoghi di sintesi, confronto aperto e momenti di comunicazione collettiva. Una piattaforma comune che fuoridaqui - Officina si propone di contribuire a realizzare per offrire un impulso allo sviluppo civile e un contributo alla coesione sociale, partendo dalla Basilicata.

La manifestazione è organizzata nel centro storico di Potenza, negli spazi comunali della Galleria Civica e della Cappella dei Celestini in Palazzo Loffredo, dove ha sede anche il Museo archeologico nazionale “Dinu Adamesteanu”.

Organizzazione

Il salone è stato organizzato su 3 aree per lo svolgimento integrato di tutte le attività previste:

• area espositiva
spazio riservato alla presentazione dei prodotti realizzati nei laboratori delle carceri o in altri progetti di integrazione sociale; esposizione dei prodotti delle cooperative e delle associazioni che lavorano sui terreni confiscati alle mafie

• area mostre
spazio espositivo per la mostra/reportage delle migliori esperienze di creatività e lavoro nelle carceri italiane, nei luoghi confiscati alla criminalità organizzata e nei centri di accoglienza per gli immigrati

• area eventi
spazio dedicato a convegni, seminari, incontri con autori, proiezioni, performance, spettacoli, degustazioni.
In questo ambito, particolare attenzione è dedicata al programma degli incontri di approfondimento su buone pratiche, progetti in essere e progetti in via di programmazione, linee guida e direttive europee e nazionali, con specifico riferimento al Programma Operativo Nazionale Sicurezza che riguarda le regioni del Mezzogiorno.
In questo senso si intende dare ampio spazio alla presentazione delle linee strategiche del PON legalità 2014-2020 e all’analisi delle esigenze e dei fabbisogni dei territori oggetto dell’intervento.

Pianta area evento Galleria Civica e Cappella dei Celestini, Potenza

Pianta Fuoridaqui Officina




Stampa Email